COME GUERRIERI SENZA SPADA

locandina

COME GUERRIERI SENZA SPADA 

Come guerrieri senza spada è uno spettacolo teatrale nato nel 2013 grazie all’incontro di attori con afasia e giovani studenti infermieri e logopedisti nell’ambito del laboratorio “NarrAzioni Teatrali” del Centro Afasia CIRP- Fondazione Carlo Molo ONLUS.

Attraverso la testimonianza diretta dei pazienti che hanno vissuto l’ospedalizzazione e il trauma del cambiamento improvviso, determinato dall’ictus e dall’afasia, è stato possibile formare sul campo gli studenti ad un’attenta e specifica comunicazione con la persona afasica attraverso il teatro.

Da questa esperienza teatrale è nato il gruppo Teatro Babel, compagnia aperta ad attori afasici e studenti in formazione.

Dopo il grande successo ottenuto (600 spettatori in due repliche) lo spettacolo verrà replicato all’interno di alcune strutture sanitarie.

Un modo per raccontare all’interno dei luoghi di Cura la testimonianza di chi ha vissuto la malattia, riprendendosi lo spazio sul palcoscenico della vita.

Un modo per comunicare, attraverso il teatro, il difficile percorso riabilitativo e l’importanza di chi a questo percorso partecipa come professionista della Cura.

L’ospedale come luogo di promozione della Salute e delle buone pratiche dove il teatro possa aggregare e riunire il pubblico attorno al tema del benessere, facendo Comunità.

scarica la locandina_

ECZEMA SCHOOL_ Iniziativa rivolta ai bambini affetti da DERMATITE ATOPICA ed ai loro familiari

eczema atopicoLa dermatite atopica è una patologia cronica della pelle, la sua gestione può mettere in difficoltà sia il bambino che ne è colpito sia i suoi familiari. La cura di questa patologia è di competenza del pediatra/dermatologo/allergologo, essi valutano e prescrivono il trattamento medicinale per ridurre l’infiammazione cutanea ed il prurito, danno indicazioni relativamente al trattamento personale quotidiano e valutano l’influenza dei fattori ambientali nelle diverse fasi del ciclo prurito-grattamento. Per quanto riguarda gli aspetti clinici della patologia questo tipo di intervento risulta fondamentale. La dermatite atopica però, sa essere insidiosa e capricciosa, la terapia farmacologica o il trattamento emolliente che fino a quel momento hanno tenuto a bada la manifestazione cutanea possono non funzionare più o dare dei riscontri fluttuanti, uscendo dallo schema causa-effetto. Va da sé che il bambino è chiamato a gestire momenti di totale impotenza e con lui i genitori.
Da qui l’idea di un intervento educativo che presti ascolto alla voce del bambino, agli aspetti emotivi, alle esigenze ed alle difficoltà dei  genitori nella gestione degli aspetti secondari ma talvolta invalidanti nel condurre la vita quotidiana.L’iter educativo è condotto dalla Dr Fornaro, psicologa, costretta ad una quotidiana personale esperienza della patologia.

Comunicazione: un diritto umano_ La Carta dei Diritti alla Comunicazione

comunico

La comunicazione è da considerarsi un fondamentale diritto umano: nella comunicazione si apre la relazione con l’altro e prende forma la nostra identità personale. In situazioni di normalità la comunicazione è veicolata dalle parole, dalla scrittura, dal linguaggio corporeo. Tuttavia, in caso di disabilità cognitiva, sensoriale o motoria, la persona può non riuscire ad utilizzare il corpo, l’espressione del volto, la sua voce o la scrittura in maniera funzionale allo scambio di messaggi comunicativi e corre il rischio di cadere in un silenzio  forzato.

Dal National Comitee for the Communication Needs of Persons with Severe Disabilities* nasce la “Carta dei Diritti alla Comunicazione” qui di seguito riportata e tradotta:

CARTA DEI DIRITTI ALLA COMUNICAZIONE

Ogni persona indipendentemente dal grado di disabilità ha diritto fondamentale di influenzare, mediante la comunicazione, le condizioni della sua vita. Oltre a questo diritto di base, devono essere garantiti i seguenti diritti specifici:

1
Il diritto di chiedere oggetti, azioni, persone e di esprimere preferenze e sentimenti

2
Il diritto di scegliere tra alternative diverse

3
Il diritto di rifiutare oggetti, situazioni, azioni non desiderate e di non accettare tutte le scelte proposte

4
Il diritto di chiedere ed ottenere attenzione e di avere scambi con altre persone

5
Il diritto di richiedere informazioni riguardo oggetti, persone, situazioni o fatti che interessano

6
Il diritto di attivare tutti gli interventi che rendano loro possibile comunicare messaggi in qualsiasi modo e nella maniera più efficace indipendentemente dal grado di disabilità

7
Il diritto di avere riconosciuto comunque il proprio atto comunicativo e di ottenere una risposta anche nel caso in cui non sia possibile soddisfare la richiesta

8
Il diritto di avere accesso in qualsiasi momento ad ogni necessario ausilio di comunicazione aumentativa-alternativa, che faciliti e migliori la comunicazione e il diritto di averlo sempre aggiornato ed in buone condizioni di funzionamento

9
Il diritto a partecipare come partner comunicativo, con gli stessi diritti di ogni altra persona, ai contesti, interazioni ed opportunità della vita di ogni giorno

10
Il diritto di essere informato riguardo a persone, cose e fatti relativi al proprio ambiente di vita

11
Il diritto di ricevere informazioni per poter partecipare a discorsi che avvengono nell’ambiente di vita, nel rispetto della dignità della persona disabile

12
Il diritto di ricevere messaggi in modo comprensibile ed appropriato dal punto di vista culturale e linguistico.

 

COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA (C.A.A.) è il termine che viene usato per descrivere l’insieme di conoscenze, tecniche, strategie e tecnologie che facilitano ed aumentano le possibilità di comunicazione in persone che hanno difficoltà ad utilizzare i più comuni canali comunicativi: il linguaggio orale e scritto. Il termine “aumentativa” sottolinea l’intento di voler incrementare le effettive possibilità di comunicazione della persona. Si definisce “alternativa” perché non esclude alcuno dei canali comunicativi possibili,  utilizzando modalità di comunicazione alternative e diverse da quelle tradizionali, laddove queste non risultano efficaci. Si tratta di un approccio che tende a creare opportunità di reale comunicazione ed a coinvolgere la persona che utilizza la C.A.A. con tutto il suo ambiente di vita. In quest’ottica, l’unico prerequisito per intraprendere un intervento di C.A.A. è la presenza di reali opportunità di comunicazione.

* National Comitee for the Communication Needs of Persons with Severe Disabilities, 1992

 

Sportello DSA all’Università di Torino

L’Università degli Studi di Torino ha istituito uno Sportello rivolto agli studenti con certificazione di DSA. Il servizio vuole garantire la mediazione con i docenti ed un eventuale Università degli Studi di Torinoservizio di tutoraggio.

Se sei uno studente universitario e vuoi saperne di più visita la pagina dedicata sul sito di unito.it :

link alla pagina Sportello DSA_ Università degli Studi di Torino

“Se la madre legge al bambino una fiaba, parla con lui, parla del mondo, parla dei buoni, parla dei cattivi, […] gli parla di lui stesso e del mondo dei grandi” (G.Rodari)

Nati per leggere

Non è mai troppo presto per condividere con un bimbo il piacere di leggere insieme un libro!

Il progetto Nati per Leggere promuove la lettura ad alta voce con i bambini fin dal primo anno di vita, nel convincimento che tale pratica contribuisca a prevenire disagio, a promuovere benessere e qualità della vita del bambino.

Vuoi saperne di più? visita il sito  NATI PER LEGGERE