Categoria: Eventi importanti

LA TRIBU’ DEI SIBLINGS_ I FRATELLI DI BAMBINI E RAGAZZI CON DISABILITA’, DALL’OMBRA ALLA LUCE

LA TRIBU’ DEI SIBLINGS_ I FRATELLI DI BAMBINI E RAGAZZI CON DISABILITA’, DALL’OMBRA ALLA LUCE

Segnalo questa interessante iniziativa proposta dall’Associazione La Trottola Onlus in collaborazione con la Fondazione CRT e promossa dallo sportello Informahandicap del Comune di Moncalieri…

immagine

A chi è rivolto?

Ai siblings tra i 6 e i 35 anni del territorio di Moncalieri, Nichelino, Trofarello e Torino.

Chi sono i siblings?

I fratelli e le sorelle di bambini e ragazzi con disabilità.

Che cosa si fa?

“La tribù dei siblings” ha come obiettivo quello di creare delle occasioni di incontro e di scambio tra siblings. Attraverso momenti di gioco e di confronto i siblings avranno l’opportunità di conoscersi e di creare nuove relazioni con persone che condividono il loro status.

Perché un progetto proprio per loro?

Perché essere un siblings non è una condizione semplice, anzi tante volte è difficile da spiegare a chi non la vive, in alcuni casi persino ai genitori. Poter incontrare degli altri siblings in un contesto di gioco e di spontaneità permette di non sentirsi soli.

Come si può partecipare?

È sufficiente telefonare all’Associazione La Trottola onlus Via Quintino Sella 17 – Moncalieri (TO) – tel. 0116051987 dalle 15 alle 19, oppure inviare una mail a info.latrottola@gmail.com

COME GUERRIERI SENZA SPADA

locandina

COME GUERRIERI SENZA SPADA 

Come guerrieri senza spada è uno spettacolo teatrale nato nel 2013 grazie all’incontro di attori con afasia e giovani studenti infermieri e logopedisti nell’ambito del laboratorio “NarrAzioni Teatrali” del Centro Afasia CIRP- Fondazione Carlo Molo ONLUS.

Attraverso la testimonianza diretta dei pazienti che hanno vissuto l’ospedalizzazione e il trauma del cambiamento improvviso, determinato dall’ictus e dall’afasia, è stato possibile formare sul campo gli studenti ad un’attenta e specifica comunicazione con la persona afasica attraverso il teatro.

Da questa esperienza teatrale è nato il gruppo Teatro Babel, compagnia aperta ad attori afasici e studenti in formazione.

Dopo il grande successo ottenuto (600 spettatori in due repliche) lo spettacolo verrà replicato all’interno di alcune strutture sanitarie.

Un modo per raccontare all’interno dei luoghi di Cura la testimonianza di chi ha vissuto la malattia, riprendendosi lo spazio sul palcoscenico della vita.

Un modo per comunicare, attraverso il teatro, il difficile percorso riabilitativo e l’importanza di chi a questo percorso partecipa come professionista della Cura.

L’ospedale come luogo di promozione della Salute e delle buone pratiche dove il teatro possa aggregare e riunire il pubblico attorno al tema del benessere, facendo Comunità.

scarica la locandina_